Ferragosto al Museo


Ferragosto al Museo

Martedì 15 Agosto dalle 08:30 alle 19:00

Museo Archeologico Nazionale di Adria
Via Badini 59, 45011 Adria (RO)

Ferragosto al Museo

Martedì 15 Agosto dalle 08:30 alle 19:00 2017-08-15T19:00:00.0000000Z https://scontent.xx.fbcdn.net/v/t31.0-8/s720x720/20645256_1410393375719642_8450510959052285037_o.jpg?oh=5effc2c66f13471a6fe2a27bc8825b3e&oe=5A201994
Museo Archeologico Nazionale di Adria

Il Museo Archeologico Nazionale di Adria sarà aperto il giorno di ferragosto con i consueti orari di apertura.
Sarà possibile visitare, gratuitamente con il biglietto di ingresso, la mostra "ORNAMENTA. Gioielli tra storia e design", che espone e mette in dialogo capolavori orafi dell'antichità con creazioni di design moderno.
Per i più piccoli e per le famiglie é possibile visitare il museo con le speciali mappe/caccia al tesoro "Scopri il tuo Museo".
#MuseoAdria
#Ornamenta
#Scopriiltuomuseo
  • Museo Archeologico Nazionale di Adria

  • Via Badini 59 45011 Adria (RO)

  • Latitudine 45.04934
    Longitudine 12.05548

  • parcheggio per strada

Museo Archeologico Nazionale di Adria

Via Badini 59, 45011 ,Adria (RO)
  • INFORMAZIONI
    Apertura: tutti i giorni, tutto l'anno. Chiusura nei giorni 25 Dicembre e 1 Gennaio (controllare sui media eventuali aperture straordinarie).
    Orario:
    tutti i giorni, 8.30-19.30 (chiusura della biglietteria ore 19.00); ultima domenica del mese, 14.30-19.30.
    Prezzo del biglietto: intero €4; ridotto €2 per insegnanti, ragazzi di età compresa tra 18 e 25 anni, gratuito per scolaresche e cittadini UE di età inferiore a 18 anni, forze dell'ordine, studenti universitari di facoltà legate ai Beni Culturali. Gratuito per tutti ogni prima domenica del mese.
    Servizi didattici e visite guidate: su prenotazione (contattare telefonicamente il museo).


    ll Museo Archeologico Nazionale di Adria raccoglie le testimonianze che provengono da Adria e dal Basso Polesine, territori che hanno rappresentato nell’antichità lo snodo dei rapporti tra il mondo mediterraneo, l’Italia Settentrionale e la cultura centro europea. Il nucleo fondamentale dei reperti si deve alla collezione Bocchi, costituita tra il ’700 e l’800; tra i materiali più considerevoli alcuni pregevoli bronzi, una ricca collezione di ceramiche attiche a figure nere e a figure rosse, opera dei più famosi pittori; per l’epoca romana, di particolare valore la straordinaria collezione di vetri.

    Il nucleo principale delle raccolte museali è costituito dalla “collezione Bocchi”, formatasi tra ’700 e ’800 grazie all’opera attenta di una nobile famiglia adriese. In particolare Francesco Antonio Bocchi ha organizzato campagne di scavo, raccolto, schedato e studiato i beni che provenivano dal sottosuolo, sottraendoli alla dispersione del mercato antiquario. Per offrire una doverosa collocazione a questi reperti, e ai molti che si andavano aggiungendo dopo gli scavi compiuti nel ’900, fu progettato il Museo di Adria dall’architetto e ingegnere Giovanni Battista Scarpari, adriese, e dall’architetto Ferdinando Forlati, allora Soprintendente ai Monumenti del Veneto. Il Museo fu inaugurato nel settembre 1961 come Museo Civico e ceduto allo Stato nel 1972, divenendo di rilevanza nazionale. Tra il 2000 e il 2009, sia per la necessità di conservare ed esporre un numero sempre crescente di reperti, sia per aderire alle nuove normative sull’accessibilità e sulla sicurezza, la sede museale è stata ampliata e completamente riallestita.

  • pm-ven.museoadria@beniculturali.it
  • 0426/21612
  • https://www.polomusealeveneto.beniculturali.it/musei/museo-archeologico-nazionale-di-adria/informazioni-e-orari
  • parcheggio per strada